×

COSA DEVI VIZITARE A TIMISOARA

COSA DEVI VIZITARE A TIMISOARA

Hotel Savoy Timisoara suggerisce alcuni luoghi da vizitare durante il soggiorno nella nostra citta. Grazie alla posizione centrale in cui ci troviamo questi sono abbastanza vicini all’hotel, il primo obbiettivo turistico essendo a pochi minuti a passeggio.

PIAZZA VITTORIA

Questa è in realtà la piazza centrale di Timisoara e la raggiungete passando uno dei ponti sopra Bega; il Ponte Traian, a sinistra, con Hotel Savoy nella parte posteriore e di fronte alla Cattedrale o al Ponte Metropolitan Saguna sulla destra.

La Piazza Vittoria e conosciuta dalla gente anche come Piazza dell’Opera questo perché è fiancheggiata su uno dei lati dell’edificio dell’opera. L’altro lato della p[iazza è evidenziato dalla Cattedrale Mitropolitana.

La sezione a destra dell’Opera (guardando verso la Cattedrale) si chiama Corso e quella a sinistra si chiama Surogat. La Piazza Vittoria e apparsa all’inizio del secolo scorso al posto della vecchia fortificazione della città, questa essendo demolita al fine di poter estendere la città.

Fin dall’inizio era destinato a una passeggiata e ad una folla di negozi di lusso. La sua forma è stata leggermente modificata mediante la costruzione di palazzi sul lato con la Cattedrale.

Inoltre, Piazza Vittoria è stata chiusa al traffico sin dagli anni ’70 e la rimozione delle linee del tram lo ha trasformato in uno spazio pedonale esclusivo. Sul lato di Corso possiamo vedere il Lloyd Palace (1912) dove ora si trova il Rettorato dell’Università Politecnica di Timisoara. Poi gli edifici Neuhasz, Merbl, Dauerbach, Hilt e Szecheny, tutti costruiti durante il periodo prebellico del secolo scorso. Sul lato di Surogat vedrete il Palazzo Loffler e poi il Palazzo della Camera di Commercio, seguiti da caseggiati costruiti durante il comunismo.

Nella Piazza dell’Opera si trova la statua “Lupoaica si puii”, una delle tre repliche dell’originale di Roma che si trovano in Romania, le altre due essendo a Bucarest e Cluj, simbolo del legame con il mondo latino.

Inoltre, vi potete rilassare presso la Fontana con pesci e in una delle tante terrazze situate nella piazza.

 

LA CATTEDRALE MITROPOLITANA

La Cattedrale di Timisoara è forse il simbolo più recente e moderno della citta, e quento non per il carattere religioso, ma piuttosto per gli eventi che hanno avuto luogo durante la Rivoluzione del Dicembre 1989. Sulle scale della Cattedrale sono morte le prime vittime della rivoluzione che ha portato via dal potere l’ultimo dittatore dell’Europa.

Catedrala din Timisoara este poate cel mai recent si mai modern simbol al orasului, iar asta nu datorita caracterului religios, ci mai degraba intamplarilor nefericite din timpul Revolutiei din decembrie 1989. Pe treptele catedralei au murit primii oameni din revolutia care l-a indepartat de la putere pe ultimul dicator al Europei. Inoltre, alla Cattedrale vi è una lapide commemorativa per ricordare i primi morti della Romania libera dal comunismo, e di fronte il monumento chiamato “Crocifissione” e realizzato dall’artista Paul Neagu. La Cattedrale di Timisoara e stata costruita tra gli anni 1936 e 1940, ma a cauza della guerra e stata innaugurata solo nel 1946, essendo presente anche l’ultimo monarca della Romania, rispettivamente il Re Mihai I. La festa storica e i Santi Tre Gerarchi e la seconda di San Iosif Nuovo di Partos. Le campane furono santificate nel 1938 e le pitture interne furono completate nel 1956. La cattedrale ha un’altezza di 83 metri e i lati sono rispettivamente di 63 e 32 metri.

All’interno ci sono le reliquie di San Iosif Nuovo di Partos, ex metropolita di Banat tra il 1650 e il 1653. E stato canonizzato dalla Chiesa Romena nel 1956. Tra i miracoli realizzati durante la vita ricordiamo il momento il cui ha invocato la pioggia e ha spento un potente fuoco che ha travolto parte di Timisoara. Il seminterrato del sito di culto ospita un’impressionante collezione di arte sacra e oggetti di culto. L’esposizione puo essere visitata durante la giornata, in gruppi organizzati di piu di cinque persone.

Author

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*